"Libellus ad faciendum colores dandos in carta": un'inedita redazione abruzzese del De arte illuminandi