"Viva la libertà": il sosia del sovrano