Sulla rappresentazione cartografica della città dell’Aquila tra il XVI e il XIX secolo