Tra romanticismo e multimedialità: l’evoluzione della figura del giornalista